logo_coopculture
Attivitá

Attivitá

Home > Attivitá

Firenze


Incontri, musica e gusto: estate da ‘sogno’ con Balagan café

il sogno di una società migliore, più giusta e accogliente, dove le diversità siano una ricchezza e non un pericolo da eliminare. È questo il fil rouge per l’edizione 2019 del Balagan Cafè, la kermesse culturale estiva che si svolge negli spazi della Sinagoga. La manifestazione è organizzata dalla Comunità Ebraica di Firenze in collaborazione con il Comune di Firenze nell’ambito del calendario dell’Estate Fiorentina e con il contributo della Regione Toscana.

“Il sogno” è il tema scelto per questa settima edizione, per far incontrare lingue e culture diverse; “Il sogno” inteso non come illusione, ma come ispirazione del cambiamento, dal messaggio degli antichi profeti nei sogni che nell’Ebraismo rappresentano il contatto con il divino, con la Legge, con l’etica, ai sogni dei popoli dei nostri tempi.

La ricetta del Balagan Cafè è quella ormai consolidata: apertura alle ore 19, incontri e degustazioni di piatti dal mondo e concerto-spettacolo (ingresso gratuito; apericena offerta consigliata 10 euro). Durante le serate del Balagan Cafè sarà possibile visitare la Sinagoga alle ore 20,45 (costo biglietto ridotto 6,50 euro)

giovedì 27 giugno “Il sogno del Balagàn” con apericena ispirata al libro “Ricette e precetti” di Miriam Camerini (ed. Giuntina) che parteciperà alla serata. A preparare i piatti della tradizione ebraica saranno gli chef Michele Hagen e Jean Michel Carasso. A seguire (ore 20,30) “I sogni del Balagan: Firenze e la cultura dei diritti” a cui interverrà l’assessore ai diritti e alle pari opportunità del Comune di Firenze Sara Funaro. Alle ore 21 l’Orchestra Multietnica di Arezzo diretta da Enrico Fink sarà in  concerto con “Culture contro la paura”, un progetto dedicato alla ricchezza delle differenze, un concerto in cui si alterneranno voci dall’Albania, dalla Russia, dal Libano, dall’Argentina, dalla Romania, dal Bangladesh. Verranno presentati anche brani dal nuovo disco, a cui hanno partecipato artisti come Dario Brunori, Bandabardò, Frank London, Shel Shapiro, Dente, Raiz, Paolo Benvegnù e tanti altri.

giovedì 4 luglio “Il sogno e l’arte”: alle ore 19 omaggio al direttore degli Uffizi Eike Schmidt, Menorah d’Oro 2019. Si tratta di un premio conferito ogni anno dal Benè Berith di Roma (associazione non governativa internazionale che si occupa di diritti dell’uomo) a quanti, nel mondo della cultura, della politica, dell’imprenditoria e della società civile, si sono particolarmente distinti per la loro azione contro ogni fenomeno di razzismo e di intolleranza. Alla serata partecipa anche il Conservatorio Cherubini di Firenze: il quartetto Amitié (diretto dal maestro Marco Lorenzini) esegue pagine inedite di Federico Consolo, provenienti dall’archivio del Conservatorio. Consolo è una delle figure più internazionalmente più note fra gli studiosi di musica ebraica, in particolare per il suo fondamentale volume del 1892, pubblicato a Firenze, “Libro dei Canti d’Israele”, in cui trascrive una ricchissima selezione del repertorio musicale della liturgia sefardita livornese: il conservatorio di Firenze ne conserva un grande archivio di pubblicazioni, manoscritti e testi autografi.

giovedì 11 luglio “Sogni di giustizia, sogni di libertà”. Un viaggio che abbraccia un secolo di storia e tre continenti, dalla Russia Zarista al Sudamerica delle dittature: Laura Forti presenta il suo libro “L’Acrobata” (ed. Giuntina), finalista al premio Viareggio, insieme alla giornalista Maria Cristina Carratù. A seguire una delle voci più affascinanti della canzone ebraica – Lee Colbert in concerto con il pianista Paolo Cintio: “Yiddish Tango… e non solo”. Nata a Buenos Aires, Lee Colbert è una amatissima interprete che spazia fra canzone yiddish e tango, fra musica ebraica e sudamericana.

giovedì 18 luglio “Sogni a cielo aperto”. Luca Bravi (Università di Firenze) introduce un incontro con alcuni giovani delle comunità Roma e Sinti di Firenze e Prato. Ancora una volta la Comunità Ebraica si confronta con un’altra comunità del nostro territorio; sarà l’occasione per conoscere una realtà a noi vicina ma spesso ignorata, per incontrare storie di sogni realizzati e da realizzare, una riflessione da fare tutti insieme su concetti apparentemente semplici come residenza, integrazione, libertà. A seguire, dopo l’apericena, La Van Guardia in concerto: tutta l’energia del gruppo “di  strada” capitanato dal chitarrista Fabio Curto. Ritmi swing e manouche per un concerto trascinante e coinvolgente.

giovedì 5 settembre dopo la pausa d’agosto il “Balagan Cafè” ricomincia con il concerto della Klezmerata Fiorentina, quattro maestri del Maggio capitanati da Igor Polesitzky alle prese con un klezmer virtuosistico, raffinato, entusiasmante.

domenica 22 settembre è ancora il tema del sogno ad essere protagonista con la Giornata Europea della cultura ebraica  che chiuderà il programma dell’estate.


EVENTI PASSATI:

Domenica 26 maggio ore 15.30

Izkhor – Si ricorderà

Apertura straordinaria e visita guidata del Cimitero Monumentale di Viale Ariosto. Un luogo da scoprire, ricco di cappelle e monumenti funebri logorati dal tempo ma altamente suggestivi e rappresentativi del mondo ebraico.

Posti limitati, prenotazione consigliata a prenotazioni@coopculture.it

[Costo attività (comprensivo di ingresso e visita guidata) 12,50 euro per adulti, 11 euro per ragazzi sopra i 6 anni e studenti fino a 25 anni.


Domenica 26 maggio dalle 11 

Balabrunch con l’autore

Evento promosso dalla Comunità ebraica, incontri gastronomici con scrittori del mondo ebraico contemporaneo. Laura Forti incontra Howard Jacobson; a seguire brunch con le delizie gastronomiche letterarie del mondo ebraico narrate e cucinate da Michele Hagen e dallo chef Jean Michel Carasso. Accesso gratuito con prenotazione, costo brunch 10 euro. Per gli ospiti del Balabrunch visite guidate alla Sinagoga. Informazioni e prenotazioni 055 2346654 – 055 245252, sinagoga.firenze@coopculture.it.


 

Domenica 19 maggio – ore 11.30  

Il rapporto di coppia e la sessualità nell’Ebraismo

Visita guidata tematica fra oggetti rituali, le ketubbot (contratti matrimoniali), e il racconto di usanze e tradizioni per un viaggio nella sessualità e nel rapporto di coppia nell’Ebraismo

Prenotazione consigliata entro le 12 di venerdì 17 maggio a prenotazioni@coopculture.it  Numero di partecipanti limitato, indicato per maggiori di 15 anni.

[Costo attività (comprensivo del biglietto di ingresso a Museo e Sinagoga): 10,50 per adulti, 9 euro per ragazzi sopra i 6 anni e studenti fino a 25 anni, gratuito fino a 6 anni]


Giovedì 25 aprile ore 11 – ore 15 – ore 16 

Visita guidata alla Sinagoga e al Museo ebraico

Occasioni speciali di visita per un approfondimento fra arte, storia e architettura della Sinagoga e della Comunità Ebraica fiorentina.

Prenotazione consigliata al numero 055 2346654 o mail a sinagoga.firenze@coopculture.it. [Costo: 10,50 per gli adulti, 9 euro per ragazzi sopra i sei anni e studenti fino a 25 anni, gratuito fino a 6 anni]

Siena


Mercoledì 24 luglio

La città dell’uomo: Siena per Piero Sadun
L’omaggio della città al pittore senese fra arte, storia e musica. Vvisita guidata alla mostra Sadun100, alla Sinagoga e concerto ai Rinnovati
Un viaggio nel viaggio che continua a celebrare il ritorno a casa, a Siena, di Piero Sadun partendo ancora una volta dall’arte, la sua, con la visita guidata alle 17, a ingresso libero, alla mostra Sadun100 nei Magazzini del Sale di Palazzo Pubblico.
L’appuntamento è un’occasione per vivere attraverso paesaggi, ritratti, nudi, interni, oggetti, animali, nature morte e ricordi d’infanzia, uno dei più famosi pittori contemporanei che ha saputo raccontare magistralmente nelle sue opere il ‘900.
In questo racconto di “Siena per Sadun” non poteva mancare, alle 18, una visita guidata, a ingresso libero, alla Sinagoga (vicolo delle Scotte, 14) organizzata dalla Comunità Ebraica di Siena e CoopCulture nel tentativo di far comprendere il milieu culturale di Sadun e per approfondire i rapporti fra questi e la Comunità.
La giornata si concluderà nel foyer del Teatro dei Rinnovati, alle 19, con il concerto gratuito, promosso dal Comitato di Siena della Società Dante Alighieri, “L’esercizio della stravaganza”, concerto del Quartetto Prometeo e un programma interamente dedicato dedicato alla musica di Salvatore Sciarrino, tra i più importanti autori del nostro tempo e docente di composizione presso l’Accademia Chigiana.

Martedì 2 luglio, in occasione del Palio di Siena la Sinagoga sarà aperta al pubblico dalle 10.30 alle 14.30 con visite guidate ogni mezz’ora a partire dalle 10.45 ultimo ingresso 13.45


Dal 1° giugno entra in vigore l’orario di apertura estivo:

11.00 – 18.00 domenica e lunedì. Visite guidate ogni mezz’ora a partire dalle 11.15, ultimo ingresso alle 17.15;

14.00 – 18.00 martedì, mercoledì e giovedì. Visite guidate ogni mezz’ora a partire dalle 14.15, ultimo ingresso alle 17.15


EVENTI PASSATI:


Domenica 26 maggio ore 16

Visita al cimitero monumentale ebraico di Siena 

Ritrovo al cancello di ingresso (Strada del Linaiolo 9) per la visita a un luogo testimone della secolare presenza della comunità ebraica a Siena.

Costo attività, comprensiva di ingresso e visita, 5 euro. È obbligatoria la prenotazione a sinagoga.siena@coopculture.it o 0577271345. Parzialmente accessibile ai disabili.


Itinerari ebraici in Italia: scopriamo la sinagoga di Siena

Ogni lunedì, giovedì e domenica visite guidate ogni mezz’ora dalle ore 10.45; ultimo ingresso ore 16.45. Costo attività, comprensivo di ingresso e visita guidata, 4 euro, 3 euro ridotto, biglietto famiglia (2 adulti e 2 minori) 10 euro.

Info 0577 271345, sinagoga.siena@coopculture.it


EVENTI PASSATI:

Giovedì 14 febbraio ore 17

Presentazione di 1938, Storia, Racconto, Memoria

La presentazione di questo  volume vuole offrire un  momento di riflessione pubblica a conclusione  delle due mostre  “Voci di carta. Le leggi razziali nei documenti della città di Siena” ( 26 ottobre 2018 -15 febbraio 2019) allestita presso l’Archivio di Stato di Siena e  “In viaggio. La deportazione nei lager (13 gennaio -10 febbraio 2019) allestita presso la Sinagoga di Siena

ll volume, curato da Simon Levi Sullam con una postfazione di Martina Mengoni e  pubblicato da Giuntina a ottant’anni dalla promulgazione delle leggi razziali, unisce scrittori e storici in una sorta di laboratorio sul futuro della Memoria.Tredici  racconti scritti da  Eraldo Affinati, Giulia Albanese, Enrica Asquer, Viola Di Grado, Carlo Greppi, Helena Janeczek, Bruno Maida, Federica Manzon, Andrea Molesini, Vanessa Roghi, Igiaba Scego, Chiara Valerio, Alessandro Zaccuri, affrontano la ricostruzione e trasmissione del passato a partire da documenti ed eventi reali, legati alle persecuzione dei diritti da parte del regime fascista.Come possono oggi nell’era della “post-memoria” i “testimoni secondari” e indiretti, narrare fatti tremendi di cui non sono stati protagonisti? Quale rapporto intercorre  tra letteratura e storia, tra fiction e documentazione storica?  Ne parlano Vanessa Roghi, coautrice dell’antologia e Martina Mengoni, che ha scritto la postfazione.


Fino a domenica 10 febbraio 

In viaggio. La deportazione nei lager

La mostra documentaria e fotografica promossa da Comunità Ebraica di Firenze e Istituto storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Pistoia con la collaborazione di CoopCulture

L’allestimento, realizzato originariamente in occasione della Giornata della Memoria 2017 a Pistoia, si arricchisce nell’esposizione senese di un percorso di narrazioni sonore. In dieci pannelli la mostra ripercorre l’esperienza degli ebrei deportati attraverso i loro racconti, mostrando come il viaggio fosse già una tappa dell’assassinio, mediante la morte dei più deboli e soprattutto tramite l’annullamento della personalità di quanti venivano considerati non più esseri umani, ma oggetti. Tra le tante parole dei pochi sopravvissuti che tramandano memoria dell’esperienza di deportazione, sono state scelte le più rappresentative ed esemplari, per diversità di origine e vicenda vissuta dai deportati, notorietà di alcuni e viceversa racconti semi sconosciuti perché resi da testimoni ‘nuovi’ che hanno rilasciato poche interviste e solo negli ultimi anni, persone sia straniere sia italiane, ebrei vissuti e deportati anche da piccole realtà toscane, tra cui Siena.

L’esposizione, a cura degli storici Sara Valentina Di Palma e Stefano Bartolini, resterà aperta fino al 10 febbraio ed è visitabile nei giorni domenica, lunedì e giovedì dalle 10.45 alle 16.45. È possibile prenotare visite guidate alla Sinagoga e alla mostra anche in orari diversi.

La mostra è libera, accesso e visita alla Sinagoga 4 euro, 3 euro studenti.


Fino al 15 febbraio 2019

mostra documentaria, Archivio di Stato di Siena

Il progetto è realizzato dall’Università degli Studi di Siena in collaborazione con l’Archivio di Stato di Siena e CoopCulture all’interno del programma Memoria della Regione Toscana, con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, della Comunità Ebraica di Firenze e Siena e della Fondazione Centro Documentazione Ebraica Contemporanea CDEC – Onlus.

Visite libere dal lunedì al sabato alle 9.30, alle 10.30 e alle 11.30;

visite guidate per scuole e gruppi dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30, in collaborazione con CoopCulture.

Archivio di Stato www.archiviodistato.siena.it

Coopculture © 2014

C.so del Popolo 40 | Mestre (VE) 30172 | Par. IVA 03174750277 | www.coopculture.it